Notice: Undefined index: Operating System in /home/mcirgplg/public_html/wp-content/plugins/dba/includes/class/plugin_class.php on line 3595
Singolo evento | Antifascisti combattenti e volontari della Guerra di Spagna

Battaglia di Brunete

Data di inizio: 6 Jul 1937
Data di fine: 25 Jul 1937
Periodo storico: Guerra di Spagna

Il 6 luglio 1937, alle 6 del mattino,le forze repubblicane attaccano ad ovest di Madrid. L'11ª divisione occupa Brunete e le sue avanguardie arrivano ai dintorni di Sevilla la Nueva. La 34ª divisione attacca a Villanueva de la Cañada, la 46ª Quijorna. In queste unità  sono inquadrate le Brigate internazionali: la 13ª e la 14ª occupano Villanueva de la Cañada. L'11ª BI non riesce ad espugnare Quijorna, mentre la 12ª BI è di riserva. Il 9 luglio i repubblicani occupano Quijorna; la tenace resistenza franchista induce il Comando repubblicano ad impiegare le unità  di riserva, tra cui la 12ª BI. La 15ª BI, dopo avere occupato la cima Mosquito nel settore Boadilla, è investita dal violento contrattacco nemico e perde la posizione. Il giorno successivo interviene pesantemente dal cielo la "Legione Condor", creando gravi difficoltà  ai repubblicani. Questi, pur conquistando terreno, non riescono a raggiungere gli obiettivi fissati. Pesanti sono le perdite in entrambi gli schieramenti. Dopo cinque ore di marcia i garibaldini del 3° Battaglione della 12ª BI giungono ai piedi della collina dove sorge uno dei punti fortificati nemici: Villanueva del Pardillo. L'attacco avviene da due lati grazie all'appoggio di una brigata repubblicana. Il nemico si arrende dopo una breve resistenza: sono fatti 600 prigionieri, tra cui 8 ufficiali e viene requisito molto materiale bellico. Il Battaglione è citato nell'ordine del giorno dell'esercito. L'11 luglio i repubblicani perdono, dopo aspri combattimenti, Villafranca del Pardillo. Il 16 luglio l'aviazione repubblicana effettua un attacco di massa contro le linee nemiche: avviene uno degli scontri aerei più violenti di tutta la guerra. Il generale Barrón tenta tre volte la riconquista di Brunete ma è respinto con pesanti perdite. Il 25 luglio la controffensiva nazionalista riconquista Brunete. Franco ha applicato la tattica alla base delle sue operazioni: il pesante intervento dell'aviazione e l'impiego di numerosi pezzi di artiglieria (i cui proiettili sono garantiti soprattutto dall'Italia). La battaglia può dirsi conclusa a prezzo di gravissime perdite tra entrambe le parti (25000 caduti repubblicani, 10000 franchisti). I battaglioni "Lincoln" e "Washington" della 15ª BI perdono la metà  dei loro effettivi e vengono fusi in uno solo. Poco dopo la battaglia di Brunete Randolfo Pacciardi abbandona la Spagna, lamentando l'inquadramento degli italiani nel nuovo esercito popolare, cui avrebbe preferito una autonoma Legione italiana. [Informazioni tratte da P. Ramella, Il secolo breve spagnolo, Varallo, 2014, pp. 126-128; M. Puppini, In Spagna per la libertà , Udine, 1986, pp. 86-87].


LEGATE A QUESTO EVENTO

Persone
Fotografie
Luoghi
    Enti
      AVVERTENZA: I Vs. dati sono acquisiti, conservati e trattati in ottemperanza alla nuova GDPR (General Data Protection Regulation, che dal 25 maggio 2018 sostituisce il d. lgs. 196/03).
      Il titolare dei dati potrà richiederne in qualsiasi momento la conferma dell’esistenza, la modifica o la cancellazione, scrivendo all’indirizzo redazione_insmli@insmli.it.
      La compilazione e l'invio del modulo (form) soprastante presuppone da parte vostra un consenso al trattamento dei dati nel modo appena espresso e in conformità con la nostra privacy policy