Il progetto

Alla fine degli anni Novanta, l’Associazione italiana combattenti volontari antifascisti di Spagna (AICVAS) dona parte del proprio archivio storico all’Istituto nazionale per la storia del movimento di Liberazione in Italia di Milano (INSMLI): la documentazione costituisce il fondo AICVAS. Nel 2010 l’associazione cede in deposito all’istituto una seconda porzione di patrimonio archivistico, denominata fondo Archivio AICVAS. Entrambi i fondi sono ordinati, descritti e resi accessibili al pubblico (inventari on line sul portale www.italia-resistenza.it, sezione “Archivi della rete”).

A partire da questa prima fruttuosa collaborazione, si concretizza la possibilità di un’ulteriore valorizzazione del patrimonio documentario attraverso la partecipazione all’Avviso per la selezione di progetti per il 70° anniversario della Resistenza e della guerra di Liberazione, iniziativa promossa dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri nel 2013.

Il progetto intitolato “Oggi in Spagna, domani in Italia” 1936-1945: la Resistenza antifascista attraverso le biografie dei volontari di Spagna[1], attualmente in corso di realizzazione, ottiene un finanziamento dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri[2]  per la realizzazione di una banca dati online delle biografie dei volontari antifascisti italiani combattenti nella guerra civile spagnola (ca. 4.500 soggetti). Il progetto fa tesoro delle ricerche compiute negli anni dall’Aicvas e dei lavori realizzati da studiosi e ricercatori: studi focalizzati sulla partecipazione alla guerra di Spagna e per la maggior parte permeati da un carattere regionale, locale e individuale.

Il progetto AICVAS-INSMLI, forte dell’integrazione tra le informazioni presenti nei fondi archivistici di diversi enti conservatori e istituti di ricerca, così come in fonti bibliografiche edite e/o digitali e in analoghe banche dati disponibili online, si propone di costruire uno strumento capace non soltanto di recuperare e mettere a disposizione dell’utenza dati biografici relativi all’intero percorso della vita di questi combattenti ma anche di ricomporli in una struttura corale e interattiva che restituisca la dimensione collettiva dell’esperienza transnazionale dell’antifascismo della prima metà del Novecento.

>> CONTINUA A LEGGERE


[1] «Oggi in Spagna, domani in Italia» è l’esortazione contenuta nel discorso pronunciato da Carlo Rosselli a Radio Barcellona, il 13 novembre 1936, con il quale promuove tra gli antifascisti italiani il sostegno alla causa antifranchista spagnola.

[2] Il finanziamento erogato è di € 39.280, per la durata di 24 mesi.