Notice: Undefined index: Operating System in /home/mcirgplg/public_html/wp-content/plugins/dba/includes/class/plugin_class.php on line 3595
Singolo ente | Antifascisti combattenti e volontari della Guerra di Spagna

Comitato pro Sacco e Vanzetti

Descrizione: Bartolomeo Vanzetti e Nicola Sacco, cittadini italiani residenti negli Stati Uniti, vengono accusati dalla polizia statunitense di duplice omicidio e furto di diciottomila dollari, reati che avrebbero commesso il 15 aprile 1920 a South Braintree, nel Massachusetts. Vanzetti viene inoltre condannato, il 2 agosto 1920, a quindici anni di carcere per tentato omicidio e tentato furto, in relazione ad un episodio avvenuto il 24 dicembre 1919 a Bridgewater, nel Massachusetts. Il processo per i fatti di South Braintree viene seguito dalle Autorità  Diplomatiche e Consolari italiane negli Stati Uniti. In particolare, il Console italiano a Boston, Ferrante, dati i risvolti politici della vicenda - sia Sacco che Vanzetti sono infatti noti dirigenti anarchici - si adopera per attenuare l'effetto negativo che la militanza politica degli imputati poteva esercitare. Il 15 luglio 1921 la Corte di Dedham, presieduta dal Giudice Thayer, si pronuncia per la colpevolezza degli imputati e li condanna a morte mediante elettrocuzione. La condanna suscita vivaci reazioni negli Stati Uniti e in Italia ma anche in tutti gli stati europei nei quali sono attivi i gruppi e le organizzazioni politiche soprattutto anarchiche. La difesa organizzata di Sacco e Vanzetti viene lanciata da anarchici italiani di Boston, cui si uniscono presto numerosi sostenitori dei diritti civili. A questi si aggiunge l’intervento del Soccorso rosso internazionale e dell’ILD negli Usa che gioca un ruolo centrale nel movimento di protesta proletario. E in un periodo in cui le esecuzioni normalmente avvengono poco dopo la condanna, proprio la mobilitazione di milioni di persone nel Comitato pro Sacco e Vanzetti - attivo in tutta Europa, con sedi nazionali e locali (in Italia, ma anche in Francia e a Parigi) - che mantiene in vita Sacco e Vanzetti per sei anni grazie a una mobilitazione delle federazioni anarchiche e proletarie che organizzano manifestazioni, scioperi e proteste che costano decine di morti in tutto il mondo. Sacco e Vanzetti vengono giustiziati il 23 agosto 1927 in Massachusetts. Quel giorno la protesta dei comitati in tutto il mondo si esprime con manifestazioni cittadine di grande ampiezza e violenza. Quasi centomila manifestanti si riversano su Parigi: gli anarchici italiani esiliati intervengono a fianco dei compagni francesi in una delle più violente manifestazioni della storia di Francia contro l’ambasciata americana. Gli scontri sono particolarmente violenti, caratterizzati da numerosi feriti, arresti tra i manifestanti e più di centoventi poliziotti feriti. La collera esplode anche a Ginevra dove migliaia di manifestanti si riversano nel centro della città  e si registrano scontri di rara violenza, tanto che l’esercito deve essere dispiegato a protezione del consolato americano.

Luogo: Boston
Data di fondazione: luglio 1921
Tipologia: Organizzazione politica
PERSONE LEGATE ALL’ENTE

APPARTENENZA GENERICA
FOTO, EVENTI, LUOGHI LEGATI ALL’ENTE

Fotografie
Eventi
    Luoghi
    AVVERTENZA: I Vs. dati sono acquisiti, conservati e trattati in ottemperanza alla nuova GDPR (General Data Protection Regulation, che dal 25 maggio 2018 sostituisce il d. lgs. 196/03).
    Il titolare dei dati potrà richiederne in qualsiasi momento la conferma dell’esistenza, la modifica o la cancellazione, scrivendo all’indirizzo redazione_insmli@insmli.it.
    La compilazione e l'invio del modulo (form) soprastante presuppone da parte vostra un consenso al trattamento dei dati nel modo appena espresso e in conformità con la nostra privacy policy