Notice: Undefined index: Operating System in /home/mcirgplg/public_html/wp-content/plugins/dba/includes/class/plugin_class.php on line 3595
Singolo evento – Antifascisti combattenti e volontari della Guerra di Spagna
Warning: A non-numeric value encountered in /home/mcirgplg/public_html/wp-content/themes/Divi/functions.php on line 5480

Liberazione di Prato

Periodo storico: 2a guerra mondiale

Il territorio comunale di Prato viene liberato tra il 2 e il 9 settembre 1944. Il 6 del mese, con l'approssimarsi delle forze alleate, le truppe tedesche lasciano la città . Nella notte precedente, tra il 5 e il 6 settembre, i distaccamenti partigiani della brigata “Bogardo Buricchi” (circa 250 uomini), attestati sul monte Javello, iniziano la discesa lungo la Val di Bisenzio in direzione di Prato allo scopo di entrarvi prima dell'arrivo degli Alleati. Giunti in località  Pesciola, nei pressi di Figline, i partigiani della “Buricchi” si fermano per attendere come prestabilito Domenico Fabbrini, la staffetta che col favore della notte dovrà  guidarli attraverso le linee nemiche fino a Prato. Ma sul luogo concordato il Fabbrini non si fa trovare. Dopo una discussione sul da farsi sorta entro il raggruppamento, si decide di avanzare lo stesso. Ma passa poco tempo che il gruppo partigiano, tra Coiano e Figline di Prato, viene intercettato da un'unità  della 334. Divisione di fanteria, forse al corrente dello spostamento della “Buricchi”. Ne nasce un conflitto a fuoco durissimo con perdite da entrambe le parti. La “Buricchi” si disperde, mentre una trentina dei suoi componenti, catturati dai tedeschi a seguito di un minuzioso rastrellamento, sono condotti a Villa Nocchi. Qui, il maggiore Karl Laqua improvvisa un processo, al termine del quale viene pronunciata una condanna a morte per impiccagione. Nelle prime ore mattutine del 6 settembre, mentre gli Alleati stanno già  entrando a Prato, gli ostaggi sono condotti dai tedeschi nel paese di Figline e qui impiccati a turno a delle travi in prossimità  dell'arco di via Maggio. Del gruppo dei condannati, solo uno o forse due riescono a fuggire un istante prima di essere impiccati approfittando della confusione generata dal contemporaneo bombardamento che gli Alleati stanno svolgendo su Prato. I 29 impiccati sono lasciati dai tedeschi appesi per un giorno intero, prima che alcuni abitanti di Figline, vincendo la paura, provvedano a dar loro una prima sommaria sepoltura. Fonte: Atlante stragi: http://www.straginazifasciste.it/?page_id=38&id_strage=2363


LEGATE A QUESTO EVENTO

Persone
  • Saccenti Dino (20 giugno 1901 - 16 aprile 1981) , dal settembre 1944 fino al settembre 1944
Fotografie
Luoghi
    Enti
      AVVERTENZA: I Vs. dati sono acquisiti, conservati e trattati in ottemperanza alla nuova GDPR (General Data Protection Regulation, che dal 25 maggio 2018 sostituisce il d. lgs. 196/03).
      Il titolare dei dati potrà richiederne in qualsiasi momento la conferma dell’esistenza, la modifica o la cancellazione, scrivendo all’indirizzo redazione_insmli@insmli.it.
      La compilazione e l'invio del modulo (form) soprastante presuppone da parte vostra un consenso al trattamento dei dati nel modo appena espresso e in conformità con la nostra privacy policy